Usa, stime finali deficit a 1.400 miliardi di dollari

giovedì 8 ottobre 2009 10:15
 

WASHINGTON, 8 ottobre (Reuters) - Il governo Usa, nel corso dell'anno fiscale terminato il 30 settembre, ha speso la cifra record di 1.400 miliardi di dollari in più rispetto alle sue entrare. Lo hanno rivelato ieri gli analisti del Congresso, anticipando i dati ufficiali.

I salvataggi delle banche, i pacchetti di stimolo e il calo del gettito fiscale a causa della recessione hanno portato il governo a registrare un deficit pari al 9,9% del Pil nell'anno fiscale 2009, ha rivelato l'ufficio bilancio del Congresso (Cbo). Il dipartimento del Tesoro annuncerà il deficit definitivo nel corso del mese. Nel 2008 il dato è stato pari a 459 miliardi di dollari.

La stima per 1.400 miliardi è inferiore rispetto alle previsoni per 1.580 miliardi diffuse ad agosto, ma la discrepanza deriva da un diverso metodo di calcolo dei costi del salvataggio di Fannie Mae FNM.N e Freddie Mac FRE.N e non ad una variaziane delle condizioni economiche, ha precisato il Cbo. Le spese sono aumentate del 17,8% a 3.500 miliardi di dollari, ha aggiunto il Cbo.

Tra le operazioni più costose ci sono il conferimento di 154 miliardi di dollari tramite il Troubled Asset Refiel Program, 91 miliardi spesi per il salvataggio di Fannie Mae e Freddie Mac e 100 miliardi di dollari destinati a febbraio a pacchetti di stimolo fiscale.

Se si escludono le misure di stimolo, sono stati spesi 120 miliardi in sussidi disoccupazione, dice il Cbo.

Buone notizie sul fronte dei tassi di interese pagati dal governo sul suo debito, in calo del 23% a 199 miliardi di dollari grazie a tassi di interesse più bassi, precisa il Cbo.