MONETARIO - Cosa succede oggi mercoledì 8 luglio

mercoledì 8 luglio 2009 07:38
 

* Inizia oggi all'Aquila il vertice G8 che per tre giorni vedrà impegnati i leader delle maggiori otto economie mondiali. In agenda ci sarà un piano da 15 miliardi di dollari per lo sviluppo alimentare dei paesi poveri, una possibile discussione sui prezzi del greggio, accordi contro il protezionismo commerciale. Più incertezza avvolge un eventuale dibattito sul ruolo del dollaro come valuta di riferimento globale. Alcuni funzionari di Germania e Francia hanno negato che l'argomento possa essere trattato, mentre Cina, Russia e Brasile vorrebbero sfruttare l'occasione per iniziare a cercare un'alternativa.

* Anche il primo ministro britannico in un'intervista a Reuters ha detto che c'è speculazione sul ruolo del dollaro, ma non c'è discussione. Brown ha poi ribadito la necessità di concentrare l'attenzione sulla ripresa economica e che, come ha detto anche in un'intervista al Corriere stamane, "i mercati hanno bisogno di principi morali" e che "è giusto basare l'economia su valori e norme regole morali chiare". Brown ha poi aggiunto che "la proposta dei global standards -- le 12 tavole --è assolutamente cruciale".

* Si riunisce a Roma l'assemblea degli associati Abi. Ieri il presidente Faissola nella conferenza stampa di presentazione dell'evento ha lanciato l'allarme sugli effetti della crisi sulle banche: aumentano le sofferenze e le perdite sui crediti degli istituti finanziari. I passi fatti dal governo sarebbero insufficienti per affrontare la situazione.

* Dopo il balzo sopra le attese degli ordini del settore manifatturiero tedesco, saliti del 4,4% contro previsioni per un rialzo dello 0,5%, sarà oggi il turno dei dati sulla produzione industriale a maggio, vista a +0,5% su mese dopo il brusco calo dell'1,9% di aprile. Un risultato positivo alimenterebbe le speranze di una graduale stabilizzazione del settore, uno dei più traumatizzati dalla crisi economica.

* Il prezzo del greggio sul finire della seduta asiatica è in calo per il quinto giorno di fila sui timori che il ritmo di ripresa dell'economia e la continua debolezza della domanda possa allontanare gli investitori. Il futures ad agosto sul greggio Usa è a 62,24 dollari in calo di 69 centesimi, lo stesso contratto sul Brent è a 62,57 dollari in calo di 66 centesimi.

* Treasuries Usa in rialzo ieri con il rendimento dei benchmark sceso ai minimi di sei settimane, poichè la debolezza delle borse ha stimolato acquisti rifugio sull'obbligazionario. Inoltre gli investitori sono abbastanza soddisfatti dell'asta sui titoli a tre anni di ieri che visto un bid-to-cover di 2,62. Il decennale ha chiuso a 97-8/32 in rialzo di 14-32 per un rendimento del 3,456%, dopo un minimo di seduta a 3,44% che rappresenta il livello più basso dal 26 maggio.   Continua...