Usa, a novembre crescita occupati più ampia da 3 anni, salgono salari

venerdì 5 dicembre 2014 14:49
 

WASHINGTON, 5 dicembre (Reuters) - A novembre il numero degli occupati statunitensi ha messo a segno la crescita mensile più consistente da circa tre anni e segnali positivi sono arrivati anche dalla dinamica salariale.

Tutti fattori che potrebbero avvicinare un aumento del costo del denaro da parte della Federal Reserve.

Il numero dei lavoratori non agricoli è cresciuto di 321.000 unità il mese scorso, il guadagno più consistente da gennaio 2012.

Il dato è risultato largamente superiore alle attese degli economisti, che convergevano su una mediana di 214.000 nuovi posti di lavoro, a segnalare come l'economia statunitense sembra impermeabile alle difficoltà della zona euro e della Cina, e del ritorno del Giappone in recessione.

Novembre è il decimo mese consecutivo che mostra un aumento degli occupati superiore alle 200.000 unità, la serie più lunga dal 1994. Rivisti al rialzo anche i numeri relativi a settembre e ottobre, con 44.000 posti in più di quanto precedentemente indicato.

Il tasso di disoccupazione si è confermato ai minimi da 6 anni al 5,8%.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia