Zona euro, ripresa lenta potrebbe posporre ciclo investimenti - Draghi

venerdì 10 ottobre 2014 16:24
 

WASHINGTON, 10 ottobre (Reuters) - A parere del presidente Bce Mario Draghi l'attuale rallentamento congiunturale potrebbe fungere da ulteriore deterrente per imprese e famiglie nelle decisioni di investimento.

Nel secondo trimestre dell'anno si è interrotta l'espansione del prodotto interno lordo della zona euro; si temono inoltre ricadute dal deterioramento del ciclo tedesco.

Con rischi che restano sbilanciati al ribasso - dice l'intervento del banchiere centrale - rimane inalterata la prospettiva di un modesto recupero che necessita però vengano messe in atto riforme strutturali e consolidamento del bilancio.

"La ripresa ha attualmente perso slancio e questo potrebbe ulteriormente minare la ripartenza degli investimenti privati, già penalizzati dai crescenti rischi sul fronte geopolitico" spiega.

"Guardando avanti, la fiducia delle imprese e dei consumatori dovrebbe trarre sostegno da un rigoroso consolidamento dei conti pubblici operato in maniera favorevole alla crescita e dalla determinazione nell'impegno alle riforme strutturali" aggiunge.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia