Italia, cala potere acquisto famiglie in trim1 2014 - Istat

venerdì 4 luglio 2014 16:54
 

ROMA, 4 luglio (Reuters) - Il potere d'acquisto delle famiglie consumatrici italiane nel primo trimestre dell'anno, tenendo conto dell'inflazione, è calato dello 0,1% rispetto a quello precedente e dello 0,2% su base tendenziale. Lo rileva l'Istat.

Nel primo trimestre il reddito disponibile delle famiglie consumatrici in valori correnti è rimasto invariato rispetto al trimestre precedente mentre è aumentato dello 0,6% rispetto allo stesso periodo del 2013.

L'Istat sottolinea che nel trimestre considerato la spesa delle famiglie per consumi finali, in valori correnti, è aumentata dello 0,2% sia in termini congiuturali che tendenziali, e che la propensione al risparmio delle famiglie è stata pari al 10%, in calo di 0,2 punti percentuali rispetto al trimestre precedente ma in aumento di 0,4 punti rispetto al primo trimestre 2013.

Il tasso di investimento delle famiglie è stato pari al 6,2%, invariato rispetto al trimestre precedente ma in diminuzione di 0,1 punti su base tendenziale.

La quota di profitto delle società non finanziarie - 39,2% - cala di 0,5 punti percentuali rispetto al trimestre precedente ed è aumentata di 0,3 punti sullo stesso periodo del 2013, mentre il tasso di investimento scende al 19,3%, in calo di 0,3 punti sia rispetto al trimestre precedente che nei confronti del corrispondente periodo 2013.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia