Ovs punta a Borsa con offerta sottoscrizione, flottante oltre 30% - AD

mercoledì 28 maggio 2014 15:25
 

MILANO, 28 maggio (Reuters) - Ovs, catena di abbigliamento del gruppo Coin, punta ad approdare a Piazza Affari entro fine anno con un'offerta che molto probabilmente sarà tutta in aumento di capitale e con un flottante di almeno il 30%.

E' quanto ha spiegato l'amministratore delegato del gruppo Coin Stefano Beraldo a margine dell'inaugurazione di un negozio a Milano, spiegando che l'advisor dell'operazione sarà Lazard.

"Al momento riteniamo largamente probabile che sia un'Ops", un'offerta pubblica di sottoscrizione, quindi senza vendita di azioni da parte degli azionisti, ha spiegato l'AD ai giornalisti.

Beraldo ha poi detto che ancora non è stato deciso l'ammontare del flottante e che dipenderà da diversi fattori. "Ma almeno il 30% direi, probabilmente anche qualcosa di più".

In merito ai tempi, l'AD prevede che ci sarà "entro settembre lo spin off, la quotazione entro l'anno".

L'Ipo avverrà dopo la separazione da Coin di Ovs, che ingloberà anche i punti vendita Upim. A questo proposito, non è stato ancora deciso come verrà allocato il debito tra le due entità. Per Ovs l'AD ritiene essere equilibrato un rapporto tra debito netto ed Ebitda pari a 2-2,5 volte.

"Per noi era logico tornare in borsa", ha poi spiegato, ricordando il delisting di Coin a seguito del lancio di un'Opa. "Siamo un'azienda con molti piani di sviluppo e siccome questa quotazione sarà fatta sostanzialmente con un'operazione primaria entreranno dei quattrini che rafforzeranno la struttura patrimoniale e ci consentiranno di tornare a spingere sullo sviluppo".

Ovs, che lo scorso anno ha fatturato poco meno di un miliardo di euro e un Ebitda intorno ai 136 milioni, prevede per il 2014 80 nuove aperture in Italia e 40 all'estero, tra negozi e corner. I grandi negozi saranno però "poco meno di 20".

"Continueremo ad aprire negozi grandi in diretta e negozi piccoli in franchising", ha spiegato ancora Beraldo.   Continua...