Germania, manifattura cresce a tasso più sostenuto da metà 2011-Pmi

giovedì 2 gennaio 2014 10:05
 

BERLINO, 2 gennaio (Reuters) - L'attività manifatturiera tedesca è cresciuta al tasso più sostenuto da due anni e mezzo in dicembre, grazie all'aumento della produzione e al forte afflusso di ordini.

È quanto emerge dall'indagine sui direttori d'acquisto, il cui indice Pmi finale di dicembre si è attestato a 54,3 punti, sopra i 52,7 di novembre e i 54,2 della stima flash, uscita nei giorni scorsi.

Si tratta della rilevazione più alta dal giugno 2011 e del sesto mese consecutivo di espansione (indice sopra 50 punti): un dato che lascia intravedere un solido inizio di 2014 per la prima economia della zona euro.

"L'indagine suggerisce come il settore manifatturiero tedesco abbia acquistato vigore nel corso dell'inverno" spiega Tim Moore, economista di Markit, la società che elabora il rapporto. "Il miglioramento delle condizioni economiche globali ha contribuito ad aumentare i nuovi ordini e a dare nuovo impulso alla creazione di posti di lavoro. La manifattura di beni di investimento è stata quella che maggiormente ha beneficiato del miglioramento delle condizioni dell'export a fine 2013".

Il settore manifatturiero rappresenta circa un quinto dell'economia tedesca.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia