Italia, settore servizi torna a crescere dopo oltre due anni-Pmi

giovedì 3 ottobre 2013 09:43
 

MILANO, 3 ottobre (Reuters) - Crescita inattesa per il settore servizi italiano, che in settembre torna ad espandersi per la prima volta da oltre due anni grazie al rafforzamento degli ordini.

È quanto emerge dalla rilevazione dell'indice Pmi a conferma dell'esistenza di un processo, per quanto lento, di uscita del Paese dalla più lunga recessione degli ultimi decenni, iniziata a metà 2011.

L'indagine elaborata da Markit/Adaci balza in settembre a 52,7 punti dai 48,8 di agosto: si tratta di un dato decisamente superiore alle attese, fissate a quota 49,1, nonché della prima lettura dal maggio 2011 sopra la soglia dei 50 punti, che separa le rilevazioni di crescita da quelle di contrazione.

L'analogo indice relativo al manifatturiero, pubblicato due giorni fa, ha evidenziato in settembre il terzo mese consecutivo di espansione del comparto.

Secondo l'economista di Markit Phil Smith gli ultimi dati potrebbero supportare la previsione di una timida ripresa dell'economia alla fine di quest'anno, posto che venga assicurata comunque una stabilità politica.

Ieri il Parlamento ha confermato la fiducia all'esecutivo guidato da Enrico Letta, giunto nei giorni precedenti a un passo dalla caduta.

"I dati, insieme a quelli del manifatturiero, indicano almeno una stabilizzazione del Pil italiano nel terzo trimestre e probabilmente anche un leggero aumento per la prima volta da oltre due anni" spiega Smith. "La stabilità politica è fondamentale affinché questa fase di miglioramento sia confermata nell'ultima parte dell'anno e oltre".

Dal settore servizi arriva circa il 70% del prodotto interno lordo italiano (alcune aree del comparto non sono coperte dall'indagine Pmi).

Il sottoindice relativo ai nuovi ordini ha mostrato anch'esso la prima indicazione di crescita da 28 mesi a questa parte, salendo a 52,9 punti dai 48,1 di agosto. Ancora in calo invece la dinamica dell'occupazione, in atto ormai da oltre due anni, anche se a ritmo meno sostenuto che in passato. Sul fronte dei prezzi dei servizi, l'indagine odierna conferma la tendenza alla diminuzione, per il ventiseiesimo mese consecutivo, indicando però anche un miglioramento delle aspettative rispetto a quanto visto negli ultimi due anni.   Continua...