Zona euro, crescita manifattura rallenta a settembre - Pmi

martedì 1 ottobre 2013 10:16
 

LONDRA, 1 ottobre (Reuters) - L'attività manifatturiera della zona euro a settembre ha segnato un'espansione per il terzo mese consecutivo, pur non riuscendo a mantenere lo stesso ritmo di crescita registrato ad agosto.

La forza della domanda ha consentito alle imprese di alzare i prezzi per la prima volta da metà 2012.

L'indice Pmi a cura di Markit il mese scorso si è attestato a 51,1, in linea con la stima flash, dopo il massimo di 26 mesi di 51,4 toccato ad agosto.

Il sotto-indice che misura la produzione ha segnato un rallentamento a 52,2 da 53,4 - massimo di 27 mesi - registrato ad agosto, appena sopra la stima flash di 52,1.

Una lettura sopra la soglia di 50 indica un'espansione dell'attività.

"Il miglioramento nelle condizioni dell'attività manifatturiera della zona euro a settembre per il terzo mese consecutivo manda un messaggio rassicurante indicando che il settore sta fornendo un traino importante a una regione che è stata appesantita dalla recessione", commenta Chris Williamson, capo economista di Markit. "Ma non dobbiamo farci prendere troppo dall'entusiasmo. Pur segnalando negli ultimi mesi la migliore performance da oltre due anni, il Pmi è scivolato leggermente rispetto ad agosto e rimane appena sopra la soglia neutra di 50, indicando che siamo ancora in una fase preliminare di quella che appare come una fragile ripresa".

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia