Zona euro, calano prestiti settore privato, rallenta crescita M3 - Bce

mercoledì 28 agosto 2013 10:31
 

FRANCOFORTE, 28 agosto (Reuters) - Si sono ulteriormente contratti in luglio i prestiti al settore privato nella zona euro, un elemento che potrebbe ostacolare la nascente ripresa economica nella regione e fare in modo che la Bce confermi la propria linea espansiva di politica monetaria.

Secondo i dati forniti questa mattina dalla banca centrale, i prestiti al settore privato si sono ridotti di un altro 1,9% annuo in luglio, oltre le attese raccolte da Reuters, che indicavano una contrazione dell'1,6%.

Su base mensile, in luglio le banche hanno assicurato 21 miliardi di euro di crediti in meno alle aziende non finanziarie della zona euro, dopo la riduzione di 12 miliardi di giugno, secondo i dati aggiustati della Bce.

Sul fronte della moneta, l'aggregato M3 ha mostrato una crescita del 2,2% annuo in luglio, un dato che segna un rallentamento rispetto al +2,4% di giugno ma comunque superiore alle attese, fissate a +2,1%.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia