Giappone, Pil potrebbe rallentare a 1% dopo rialzo tasse su vendite

venerdì 2 agosto 2013 11:51
 

TOKYO, 2 agosto (Reuters) - La crescita economica del Giappone rallenterà all'1,0% nell'anno fiscale 2014/15, meno della metà del ritmo previsto per quest'anno, poiché il previsto aumento delle tasse sulle vendite peserà temporaneamente sui consumi.

Lo dicono le stime del governo giapponese.

Nell'anno fiscale 2013/14, che ha avuto inizio lo scorso aprile, l'economia del Giappone è vista espandersi del 2,8%, sia perché il miglioramente del mercato del lavoro ha rafforzato la spesa dei consumatori, sia perché hanno iniziato a prendere piede le misure adottate per far uscire il paese da 15 anni di deflazione, ha detto l'Ufficio di Gabinetto.

In precedenza il governo aveva previsto una crescita del 2,5%.

Il primo ministro Shinzo Abe deve decidere entro al fine di quest'anno se mettere in atto un piano per alzare le tasse sulle vendite dal 5% all'8% a partire dal prossimo mese di aprile e poi al 10% nel mese di ottobre 2015.

I consumi privati sono visti crescere dello 0,5% nell'anno fiscale 2014/15, meno del +2,1% previsto per l'anno fiscale in corso, ha detto l'Ufficio.

Il piano per aumentare le imposte sulle vendite aggiungerà 0,2 punti percentuali al prodotto interno lordo nell'anno fiscale 2013/14 poichè i consumatori correranno ad acquistare i beni prima dell'aumento delle tasse, secondo un funzionario.

Invece l'aumento delle tasse sulle vendite dovrebbe poi sottrarre 0,6 punti percentuali alla crescita economica nell'anno fiscale 2014/15, poichè i consumatori ridurranno le spese, ha detto il funzionario.

Nel complesso i prezzi al consumo dovrebbero salire del 3,3% nell'anno fiscale 2014/15, ma - al netto dell'aumento delle tasse - aumenteranno del 1,2%, dice l'ufficio.   Continua...