PUNTO 2-Italia, da fiducia imprese nuovo segnale risveglio economia

lunedì 29 luglio 2013 16:37
 

* Fiducia imprese manifatturiere luglio sale a massimi da novembre 2011

* Dato collima con previsioni ritorno crescita marginale a fine anno - analista (Riscrive aggiungendo contesto, commento analista)

di Elvira Pollina

ROMA/MILANO, 29 luglio (Reuters) - Arriva dal mondo produttivo un nuovo timido segnale di risveglio dell'economia italiana, preludio di quel marginale ritorno alla crescita previsto dal governo per la fine dell'anno, dopo la fase recessiva più prolungata dal secondo Dopoguerra.

A luglio, mostrano i numeri resi noti stamane da Istat, l'indice che misura la fiducia delle imprese manifatturiere è salito a 91,7 da 90,5 del mese precedente.

Un dato lievemente migliore delle attese raccolte da Reuters in un sondaggio, in cui era prevista una salita a 91,0, e che porta l'indice ai massimi dal novembre 2011, ovvero da quando -all'apice della pressione dei mercati - il governo guidato da Silvio Berlusconi fu costretto a cedere il testimone all'esecutivo tecnico di Mario Monti.

In salita anche l'indice di fiducia complessivo - che si porta a 79,6 da 76,4 del mese scorso, a riflesso, spiega Istat, del miglioramento del clima diffuso in tutti i settori economici oggetto di indagine: dalle imprese manifatturiere e di costruzione, a quelle del commercio al dettaglio e dei servizi di mercato.

Il dato, che fa il paio con l'analogo indice tedesco, salito più del previsto a luglio, è l'ennesimo segnale moderatamente positivo arrivato dall'economia italiana nelle ultime settimane.

Giovedì scorso era stata la volta della fiducia dei consumatori, salita ai massimi dal luglio 2011, seppure in un quadro di cambiamento di metodologia che non ha mancato di raccogliere critiche e dubbi da parte degli economisti .   Continua...