Cina, dati commerciali giugno peggio di attese, cresce pessimismo

mercoledì 10 luglio 2013 08:06
 

PECHINO, 10 luglio (Reuters) - Delude ampiamente le attese dei mercati finanziari la dinamica delle importazioni ma soprattutto delle esportazioni cinesi di giugno, a riflesso di una crescente perdita di fiducia degli esportatori in risposta alla debolezza della domanda estera accompagnata da un aumento del costo del lavoro e da un apprezzamento dello yuan.

Secondo i dati pubblicati dall'amministrazione per le Dogane il canale export mostra il mese scorso una contrazione tendenziale di 3,1% - primo calo da gennaio 2012 - e quello import un rallentamento di 0,7%, equivalenti a un avanzo mensile di 27,1 miliardi di dollari.

Il risultato si confronta con il consensus raccolto da Reuters che ipotizzava una crescita di 4,0% a livello di esportazioni e ben 8,0% per le importazioni, ovvero un surplus di 27 miliardi.

Le prospettive per il terzo trimestre vengono definite "fosche" dal portavoce dell'amministrazione doganale Zheng Yuesheng.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia