Cina, attività manifatturiera frena in aprile - Pmi-Hsbc

martedì 23 aprile 2013 08:30
 

PECHINO, 23 aprile (Reuters) - In rallentamento il settore manifatturiero cinese in aprile a causa della contrazione del flusso di ordinativi dall'estero. È quanto emerge dall'indagine Pmi-Hsbc, che delinea il quadro di una ripresa ancora tiepida nel secondo trimestre per l'economia del paese.

L'indice Pmi manifatturiero elaborato dalla banca Hsbc è sceso a 50,5 punti in aprile - vicino alla soglia dei 50 punti, di stagnazione dell'attività - dai 51,6 di marzo. Si tratta comunque di un dato migliore rispetto al 50,4 di febbraio.

Il sotto indice relativo ai nuovi ordini per l'export è sceso in territorio di contrazione, a 48,6 da 50,4 di marzo, a riflesso di una domanda internazionale che rimane debole.

"Gli ordini si sono contratti dopo un temporaneo rimbalzo in marzo, suggerendo che la domanda esterna per gli esportatori cinesi rimane debole" spiega il capo economista di Hsbc per la Cina Qu Hongbin. "L'attesa è che Pechino risponda in maniera decisa a sostegno della ripresa economica, con un aumento degli sforzi per l'incremento degli investimenti e dei consumi domestici nei prossimi mesi".

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia