Zona euro, inflazione luglio stabile con rallentamento economia

giovedì 16 agosto 2012 12:25
 

BRUXELLES, 16 agosto (Reuters) - L'inflazione della zona euro si è mantenuta stabile a luglio, aiutata dai prezzi in caduta del settore delle comunicazioni: il dato dà margine alla Banca centrale europea per tagliare i tassi di interesse in un clima economico che va peggiorando.

Eurostat ha rilevato che l'aumento dei prezzi per il mese di luglio si è mantenuto al 2,4% annuo, stesso valore degli ultimi tre mesi e minimo degli ultimi sedici mesi.

Il prezzo delle case è salito del 3,8% a luglio su base annua, mentre alcool e tabacco sono aumentati del 4,7%. I prezzi legati al settore delle comunicazioni sono calati del 3,1%.

Il più grande impatto sull'inflazione a luglio lo hanno avuto carburanti e trasporti, che hanno pesato per il 0,13% sulla percentuale finale, ed elettricità e gas, che hanno contribuito per lo 0,10%. Le telecomunicazioni hanno sottratto lo 0,18% e le auto lo 0,06% al dato finale di luglio.

Martedì 14 Eurostat aveva reso noto che l'economia della zona euro nel secondo trimestre si è contratta dello 0,2%. Ci sono aspettative riguardo un possibile intervento di Mario Draghi affinchè tagli ulteriormente il tasso di interesse dall'attuale 0,75%, già minimo storico per la Bce. Draghi ha affermato che un eventuale sforbiciata del tasso di interesse è stata discussa alla riunione del 2 agosto, ma che il comitato esecutivo della banca "ha deciso all'unanimità che questo non fosse il momento adeguato".

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia