PUNTO 1 - Fiducia imprese peggiora ad aprile

giovedì 26 aprile 2012 12:52
 

(riscrive attacco, aggiunge commenti analisti e contesto)

MILANO/ROMA, 26 aprile (Reuters) - Segna un inatteso deterioramento il morale delle imprese italiane, portandosi ad aprile al record negativo da ottobre 2009.

Meno disastrosi di quelli sulla fiducia dei consumatori pubblicati l'altroieri, sempre relativi ad aprile, i dati Istat di questa mattina fotografano un indice generale a 89,5 dopo il 91,1 - rivisto al ribasso di 92,1 - del mese scorso.

La mediana delle 19 aspettative raccolte da Reuters scommetteva su una lettura invariata a 92,1.

Per il morale delle imprese manifatturiere si tratta del minimo da due anni e mezzo, risultato comunque meno scoraggiante rispetto alla vera e propria débacle della fiducia dei consumatori, scivolata al minimo della serie iniziata nel '96.

"I numeri sui consumatori sono disastrosi; le aziende tengono un po' meglio grazie alla domanda estera, specie quella extra Ue, ma l'indice resta ampiamente al di sotto della media storica di circa 100 punti" spiega Paolo Mameli dell'ufficio studi Intesa Sanpaolo.

"L'elemento più preoccupante è il deterioramento delle componenti prospettiche" aggiunge.

Il comunicato Istat parla a questo proposito di un saldo invariato nei giudizi delle imprese su ordini e livello delle scorte ma di un peggioramento nelle attese di produzione.

"E' prematuro capire se l'imprevisto calo di oggi sia un temporaneo o invece il segnale di un'economia a passo particolarmente rallentato per un periodo più protratto" si legge in una nota UniCredit dedicata al dato Istat.   Continua...