Cina, segnali contrastanti da industria in marzo

lunedì 2 aprile 2012 08:24
 

PECHINO, 2 aprile (Reuters) - Indicazioni contrastanti questa mattina sul fronte del settore manifatturiero cinese.

Il relativo indice Pmi di marzo è salito a 53,1 punti, oltre le attese, dai 51 di febbraio, collocandosi ai massimi da 11 mesi e mettendo a segno il tipico rimbalzo alla fine della stagione invernale, riflettono gli economisti.

Tuttavia, l'indice Pmi-Hsbc - focalizzato sulle aziende di minore dimensione - rimane in area di contrazione, a 48,3 punti in marzo (di fatto confermando l'iniziale stima flash), in ulteriore flessione dai 49,6 di febbraio.

Un segnale quest'ultimo, non incoraggiante, che evidenzia come la crescita cinese stia perdendo vigore e che lascia intatta la percezione che l'economia del colosso asiatico abbia segnato la peggiore perfomance trimestrale da tre anni a questa parte. Resta dunque aperta la porta alla possibilità di misure di allentamento monetario quest'anno.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 

AGGIORNAMENTO

  • Italy
  • US
  • UK
  • Europe
Cina, segnali contrastanti da industria in marzo | Notizie | Macroeconomia | Reuters.com
    chart
  • FTSEMIB
    19,559.85
    +1.20%
  • FTSE Italia All-Share Index
    21,366.17
    +1.11%
  • Euronext 100
    929.81
    -0.04%