Italia, inflazione 2011 +2,8%, dicembre +3,3% - Istat

lunedì 16 gennaio 2012 10:02
 

 ROMA, 16 gennaio (Reuters) - L'indice Nic dei prezzi
al consumo è salito in media annua nel 2011 del 2,8%, secondo le
stime definitive di Istat. Nel 2010, l'inflazione si era
attestata al +1,5%.	
 Nel mese di dicembre l'indice è salito dello 0,4% su mese e 	
del 3,3% su anno. A novembre l'indice era calato dello 0,1% in 	
termini congiunturali ed era salito del 3,3% su base annua.	
 L'indice armonizzato Ipca ha segnato sempre in dicembre una 	
variazione di +0,3% su mese e di +3,7% su anno (da -0,1% e 3,7% 	
del mese precedente).	
 L'Ipca sale nel 2011 del 2,9% dall'1,6% dell'anno 	
precedente.   	
 Di seguito, i dati provvisori di Istat per l'indice Nic:	
      	
                            dic 11      nov 11     ott 11   	
Variazione congiunturale         0,4        -0,1        0,6    	
Variazione tendenziale           3,3         3,3        3,4    	
    	
 Istat ha fornito i seguenti dati provvisori per l'indice 	
Ipca (comprensivo delle riduzioni temporanee di prezzo):     	
    	
                            dic 11      nov 11    ott 11    	
Variazione congiunturale         0,3        -0,1      0,9    	
Variazione tendenziale           3,7         3,7      3,8    	
    	
 Indici Nic per capitoli di spesa:         	
 	
                               su mese  su anno    	
Alimentari e bevande non alc.         inv      2,9   	
Bevande alcoliche, tabacco            inv      6,0    	
Abbigliamento, calzature              0,1      2,8    	
Abitaz.,acqua,elettr.,combust.        0,2r     6,2r  	
Mobili, articoli e domestici          0,1      2,2    	
Servizi sanitari                     -0,2      0,3    	
Trasporti                             1,7      7,1    	
Comunicazioni                        -0,2     -2,0   	
Ricreazione,spettacoli,cultura        0,3      inv    	
Istruzione                            0,1      2,0   	
Alberghi,ristoranti,bar              -0,3r     1,7r   	
Altri beni e servizi                  0,2      3,6	
 
 Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano.
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia