Italia, manifattura si contrae a dicembre per quinto mese

lunedì 2 gennaio 2012 09:52
 

ROMA, 2 gennaio (Reuters) - L'attività manifatturiera italiana ha segnato una contrazione a dicembre per il quinto mese consecutivo, sebbene in misura inferiore rispetto al mese precedente, con ordini, produzione e occupazione tutti in declino. E' quanto mette in evidenza l'indagine Marit/ADACI.

I dati si aggiungono a una serie di indicatori che segnalano come la terza economia della zona euro, coinvolta nell'escalation della crisi del debito, sia già in recessione.

L'indice Pmi Markit/ADACI è salito a 44,3 in dicembre da 44,0 di novembre, superando le attese, che convergevano su una mediana di 43,8, ma restando ampliamente sotto la soglia 50 che separa la contrazione della crescita.

Il dato testimonia come il settore manifatturiero italiano continui a perdere terreno rispetto ai maggiori partner europei, anche se l'attività manifatturiera sta subendo un decremento nell'intera area euro.

La lettura flash dell'indice Pmi dei 17 Paesi della valuta unica aveva evidenziato un miglioramento a 46,9 da 46,4.

Tornando all'Italia, i nuovi ordini hanno confermato per il settimo mese consecutivo una severa contrazione, sebbene il sotto-indice degli ordini sia salito a 39,9 da 39,4. In frenata anche produzione e occupazione.

L'economia italiana, una delle più anemiche della zona euro negli ultimi dieci anni, ha sengato una contrazione dello 0,2% nel terzo trimestre del 2011 su base congiunturale e gli analisti si aspettano che il Pil continuerà a decrescere per buona parte del 2012.

Secondo le stime di Confindustria, il 2012 potrebbe chiudersi con una contrazione del Pil dell'1,6%, mentre la previsione del governo si attesta a -0,4%. (Gavin Jones) Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia