Istat, nel 2010 un italiano su 4 a rischio povertà

giovedì 29 dicembre 2011 11:29
 

ROMA, 29 dicembre (Reuters) - Un italiano su quattro è a rischio povertà ed esclusione sociale. E' quanto rileva l'indagine Istat "Reddito e condizioni di vita", condotta nella seconda parte del 2010 su circa 19.000 famiglie (47.500 individui), considerando i redditi netti e numerosi altri indicatori delle condizioni economiche.

Nel 2010, il 18,2% delle persone residenti in Italia è, secondo la ricerca dell'Istat, a "rischio di povertà", il 6,9% si trova in condizioni di "grave deprivazione materiale" e il 10,2% vive in famiglie caratterizzate da una bassa intensità di lavoro.

L'indicatore sintetico del rischio di povertà e di esclusione sociale -- che considera vulnerabile chi si trova in almeno una di queste tre condizioni -- è pari al 24,5%, un livello analogo a quello del 2009.

Risultano sostanzialmente stabili in Italia sia il "rischio di povertà" (dal 18,4% al 18,2%), sia quello di "grave deprivazione materiale" (dal 7% al 6,9%)-- indicatori comunque sempre superiori rispetto agli analoghi francesi e tedeschi -- mentre è aumentata dall'8,8% al 10,2% la quota di persone che vivono in famiglie a bassa intensità di lavoro, dove cioè le persone di 18-59 anni di età lavorano meno di un quinto del tempo.

Il 16% delle famiglie italiane, continua Istat, ha dichiarato di arrivare con molta difficoltà alla fine del mese: l'8,9% si è trovato in arretrato con il pagamento delle bollette, l'11,2% con l'affitto o il mutuo, l'11,5% non ha potuto riscaldare adeguatamente l'abitazione.

Una situazione che vede come sempre il Sud avere la peggio: il 12,9% delle famiglie abitanti nel Mezzogiorno è gravemente deprivato, valore più che doppio rispetto al Centro (5,6%) e più che triplo rispetto al Nord (3,7%).

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia