Unioncamere prevede Pil a -0,2% in 2008 e a -0,3% in 2009

giovedì 6 novembre 2008 11:34
 

ROMA, 6 novembre (Reuters) - Unioncamere prevede per l'Italia una contrazione del prodotto interno lordo dello 0,2% nel 2008 e dello 0,3% nel 2009 per l'aggravamento della crisi finanziaria internazionale.

Sull'anno in corso inciderà "l'ingente decelerazione delle esportazioni di beni verso l'estero e soprattutto la domanda interna", si legge in una nota dell'associazione delle camere di commercio. Per il 2009 si prevede una flessione dello 0,3%, "a causa della flessione dei consumi privati, dell'ulteriore indebolimento delle esportazioni e della spesa per consumi delle amministrazioni pubbliche".

Il rallentamento nel 2009 sarà più pesante al Sud, mentre l'Emilia-Romagna sarà l'unica regione ad incrementare l'attività produttiva.