Adr, in autunno chiederemo adeguamento tariffe - Palenzona

mercoledì 6 agosto 2008 16:04
 

ROMA, 6 agosto (Reuters) - Il sistema aeroportuale italiano ha bisogno di un aumento delle tariffe che remuneri gli investimenti, e Adr, società che gestisce gli aeroporti romani di Ciampino e Fiumicino, lo farà presente al governo in autunno.

Lo ha detto Fabrizio Palenzona, presidente della società del gruppo Gemina GEMI.MI, durante la conferenza stampa di presentazione dei risultati semestrali chiusi con una perdita netta di 4,6 milioni di euro.

"Per il sistema aeroportuale italiano serve un sistema tariffario che remuneri gli investimenti. Non capisco come mai nel nostro Paese si mettano in atto politiche demagogiche invece che risolvere i problemi reali, come per le tariffe", ha detto Palenzona, aggiungendo che "in questi mesi non abbiamo assillato (il ministro dell'Economia Giulio) Tremonti", ma che "dall'autunno busseremo alla porta dei ministri Tremonti e (del ministro dei Trasporti Altero) Matteoli per spiegare le ragioni di Fiumicino e del sistema aeroportuale italiano".

Per Palenzona, è necessario che venga riconosciuta "come a tutti l'inflazione programmata dal 2002 ad oggi e poi da oggi in poi", e che venga fatto un contratto di programmazione con l'Enac che permetta la remunerazione e controllo degli investimenti. "Ci deve essere una pratica tariffaria che ci remunera degli investimenti fatti, un sistema di price cap" ha detto Palenzona.

"Tutto questo non incide sull'inflazione, ma in modo molto, molto misurato su passeggeri e compagnie. Se ci togliamo dalla demagogia e guardiamo i conti, come il ministro Tremonti sa fare, credo che lavoreremo bene con il governo" ha concluso.