Bce non basta, bisogna ridurre tasse, anche a deficit - Renzi

mercoledì 16 marzo 2016 12:02
 

ROMA, 16 marzo (Reuters) - L'Italia plaude al nuovo pacchetto di misure annunciato dalla Banca centrale europea ma avverte che per rilanciare la crescita economica e aumentare la competitività occorre ridurre la pressione fiscale, "eventualmente anche a deficit" ottenendo dalla Commissione europea i necessari margini di flessibilità in bilancio.

"La risposta che ha dato la Bce merita tutto il nostro sostegno e il nostro appoggio. E tuttavia, mentre diciamo questo, dobbiamo riconoscere che non può bastare soltanto uno stimolo di natura monetaria", ha detto il premier Matteo Renzi intervenendo alla Camera in vista del prossimo Consiglio europeo, in agenda il 17 e 18 marzo.

"La politica della Bce è molto utile ma non è sufficiente a far ripartire non soltanto i consumi, i prezzi, l'inflazione, ma non è sufficiente neppure a far recuperare competitività al sistema europeo".

Ecco perché, secondo Renzi, occorre "mettere più soldi nelle tasche abbassando le tasse".

"Ma il punto centrale è che, per abbassare le tasse, devi dare quegli elementi di flessibilità che portano a fare un'operazione sulla pressione fiscale eventualmente anche in deficit", aggiunge il capo del governo.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia