Welfare, Pmi puntano a complementare e formazione - rapporto

martedì 8 marzo 2016 14:37
 

ROMA, 8 marzo (Reuters) - Il welfare aziendale si concretizza per la maggior parte delle Pmi italiane in iniziative per la gestione del personale, con oltre 6 su 10 che offrono formazione e sostegno alla mobilità, mentre solo 5 su 100 si preoccupano di aiutare i dipendenti a conciliare vita e lavoro.

Lo dice il primo rapporto Welfare Index Pmi, promosso da Generali con la partecipazione di Confagricoltura e Confindustria, frutto di una ricerca condotta su 2.140 aziende con un numero di dipendenti tra 10 e 250, attive nell'industria, nel commercio e servizi e nell'agricoltura.

Il 45% delle Pmi intervistate sono attive in almeno 4 delle 10 aree del welfare aziendale, mentre l'11% risultano 'molto attive', con iniziative in 6 o più ambiti.

Vanno per la maggiore le iniziative per la gestione del personale: formazione e sostegno alla mobilità (64,1%), assicurazioni per dipendenti e famiglie (53%), sostegno economico ai dipendenti (46,2%).

Il 40% circa delle aziende ha adottato iniziative classiche di welfare complementare, riguardanti previdenza integrativa (40,4%), salute (38,8%) e sicurezza e prevenzione (38%).

Sul fronte delle iniziative più innovative, il 18,5% del campione si occupa di pari opportunità e sostegno ai genitori, il 15% di welfare allargato al territorio e il 14,1% di integrazione sociale; solo il 4,9%, poi, pensa alla conciliazione vita-lavoro.

Se da un punto di vista geografico non emergono differenze quantitative, gli ambiti in cui le Pmi sono più attive a seconda dell'area sembra rispecchiare le specifiche esigenze del territorio: al Sud, ad esempio, ci si concentra di più su 'pari opportunità e sostegno ai genitori' (25,8% contro 15,9% al Centro e 16,2% al Nord) e 'sicurezza e prevenzione incidenti' (51,3% a fronte del 39,2% del Centro e 31,9% del Nord).

Un importante fattore è rappresentato dagli incentivi fiscali: il 35% delle aziende oggetto del campione ha infatti effettuato importanti investimenti sostenuti dalla possibilità di risparmi fiscali.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia