Produzione, visto +0,4% febbraio dopo calo inatteso gennaio - Csc

martedì 10 marzo 2015 18:02
 

ROMA, 10 marzo (Reuters) - L'inatteso calo della produzione industriale di gennaio potrebbe essere dovuto a un effetto statistico legato al calendario, mentre un incremento dello 0,4% è ora stimabile per il mese di febbraio dalla precedente previsione di +0,2%.

Lo scrive il centro studi di Confindustria (Csc) commentando il dato sulla produzione industriale diffuso oggi dall'Istat che ha segnalato un calo inatteso dello 0,7% su mese e del -2,2% su anno.

"Il dato negativo di gennaio è stato inferiore alle stime CSC e a quelle di consenso (che puntavano a +0,2%) e si è mosso in direzione opposta rispetto a quanto segnalavano gli indicatori qualitativi e quantitativi disponibili (fiducia ISTAT, PMI Markit, immatricolazioni di auto)", osserva il Csc, ritenendo che il calo, che viene dopo due incrementi consecutivi dell'attività, potrebbe essere riconducibile, in parte, a un problema statistico legato al calendario.

Nella prima settimana di gennaio, infatti, osserva Csc "erano possibili due ponti (venerdì 2 e lunedì 5) e i dati sui consumi elettrici dicono chiaramente che l'attività produttiva ne è stata negativamente influenzata".

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia

 

AGGIORNAMENTO

  • Italy
  • US
  • UK
  • Europe
Produzione, visto +0,4% febbraio dopo calo inatteso gennaio - Csc | Notizie | Macroeconomia | Reuters.com
    chart
  • FTSEMIB
    20,833.88
    -0.46%
  • FTSE Italia All-Share Index
    23,060.63
    -0.45%
  • Euronext 100
    1,013.91
    -0.33%