PUNTO 1-Disoccupazione settembre risale ma crescono occupati, governo ottimista

venerdì 31 ottobre 2014 14:50
 

(Riscrive con commenti, dettagli)
    di Antonella Cinelli
    ROMA, 31 ottobre (Reuters) - Nel mese di settembre, secondo
i dati diffusi stamani da Istat, torna ai livelli massimi il
tasso di disoccupazione ma arriva una buona notizia dal fronte
degli occupati, che aumentano di 130.000 unità nel confronto con
l'anno prima facendo registrare il tasso più alto da circa un
anno e mezzo.
    "Aumentano i posti di lavoro: più 82.000 sul mese scorso,
più 150.000 da aprile. Solo con il lavoro italiariparte", è il
commento del premier Matteo Renzi su Twitter.
    A settembre il tasso di disoccupazione sale al 12,6% dal
12,5% (rivisto dal 12,3%) di agosto, tornando al livello di
luglio, il più alto sia dall'inizio delle serie storiche mensili
(2004) che dall'inizio di quelle trimestrali (primo trimestre
1977). I disoccupati risultano 3,236 milioni.
    Buone notizie, però, per i giovani: il tasso di
disoccupazione nella fascia di età 15-24 anni, ovvero
l'incidenza dei giovani disoccupati sul totale di quelli
occupati o in cerca di lavoro, si attesta al 42,9% rispetto al
43,7% (rivisto dal 44,2%) di agosto.
    Il tasso di occupazione raggiunge il 55,9% - mai così alto
dal 56% del febbraio 2013 - in aumento di 0,2 punti in termini
congiunturali e di 0,5 su base annua. Gli occupati risultano a
settembre 22,457 milioni, in crescita dello 0,4% rispetto ad
agosto e dello 0,6% su base annua, con una crescita sia tra le
donne che tra gli uomini.
    
    "MENO INATTIVI PERCHE' CRESCE FIDUCIA"
    "Un po' di Italia che riparte dal lavoro: grande balzo del
numero degli occupati e forte riduzione degli inattivi",
commenta in una nota Filippo Taddei, responsabile Economia del
Pd, sottolineando che a settembre gli occupati crescono su base
congiunturale più dei disoccupati (+82.000 contro +48.000) e che
il numero di inattivi - cioè coloro che non fanno parte delle
forze lavoro - cala dello 0,9% nel confronto con agosto e del
2,1% rispetto a dodici mesi prima.
    Il tasso di inattività si attesta al 35,9%, in diminuzione
di 0,3 punti percentuali in termini congiunturali e di 0,7 punti
su base annua.
    "Quando le persone riprendono fiducia perché avvertono
miglioramenti intorno a loro, tornano a cercare lavoro
attivamente", spiega Taddei. "A quel punto vengono registrati
come disoccupati che aumentano il tasso di disoccupazione invece
che inattivi. Ma l'aumento del tasso di disoccupazione a scapito
di quello di inattività è una buona notizia".
    Per rilanciare il mercato del lavoro il governo di Matteo
Renzi ha annunciato una serie di misure il cui punto centrale è
il controverso Jobs act, contrastato anche da una parte dello
stesso Pd.
    Commentando i dati Istat, Confcommercio parla di "segnali
incoraggianti" in una nota: "Dopo quasi due anni e mezzo, il
primo incremento tendenziale (+130.000 lavoratori rispetto a
settembre 2013) rafforza la tendenza al miglioramento nel
mercato del lavoro che si osserva da diversi mesi, in parallelo
all'entrata in vigore del decreto Poletti che ha contribuito a
semplificare i contratti a termine e l'apprendistato".
    Restano però la necessità di "urgenti misure di
semplificazione sul lavoro e di riduzione dei costi che possano
consolidare una progressiva ripresa dell'occupazione" per
arginare gli effetti della crisi.
    
    Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano.
Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia