Greggio, Brent negativo verso i 106 dollari al barile su dati Cina

lunedì 20 gennaio 2014 11:31
 

SINGAPORE, 20 gennaio (Reuters) - Il Brent si avvia a scendere intorno ai 106 dollari al barile oggi, dopo i dati sulla Cina che mostrano un rallentamento del consumo del petrolio nel 2013 e l'Iran che ha iniziato a negoziare un accordo sul nucleare con le potenze mondiali.

La domanda petrolifera in Cina - il secondo più grande consumatore di petrolio al mondo - è salita dell'1,6% lo scorso anno, il tasso di crescita più basso degli ultimi cinque anni, secondo i calcoli Reuters elaborati sui dati preliminari del governo.

Il consumo petrolifero della Cina è un fattore chiave nella determinazione dei prezzi del petrolio e ha guidato la crescita della domanda globale per la maggior parte dello scorso decennio.

"Il trend a lungo termine della domanda petrolifera certamente non è quello a cui si era abituati", spiega Alex Yap, analista alla Facts Global Energy.

Intorno alle 11, il derivato Brent marzo è in calo di 33 centesimi a 106,14 dollari al barile.

Il futures Usa è in calo di 71 centesimi a 93,66 dollari al barile, dopo aver toccato i massimi da due settimane venerdì scorso.

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia