Cina, inflazione ottobre a 3,2% annuo, massimo da otto mesi

lunedì 11 novembre 2013 08:58
 

PECHINO, 11 novembre (Reuters) - È salita ai massimi da otto mesi l'inflazione cinese in ottobre, trainata dai prezzi alimentari: un dato che alimenta i timori di un irrigidimento monetario, anche alla luce dei segnali di stabilizzazione giunti da produzione e investimenti.

L'indice dei prezzi al consumo cinese è salito del 3,2% annuo in ottobre, dopo il 3,1% di settembre: si tratta comunque di un dato leggermente inferiore sia alle attese di mercato (3,3%) sia al target ufficiale del governo per quest'anno (3,5%).

"Sebbene l'inflazione sia stata spinta in alto principalmente dalla stagionalità della domanda di prodotti alimentari, può ugualmente alimentare le preoccupazioni del mercato su una possibile stretta delle condizioni monetarie da parte della banca centrale", spiega Li Huiyong, economista di Shenyin & Wanguo Securities.

I dati di venerdì scorso hanno peraltro mostrato un rimbalzo più ampio del previsto dell'export in ottobre, a conferma di come l'economia cinese possa aver trovato un punto di stabilizzazione dopo la recente frenata.

Sono in pochi tuttavia ad ipotizzare che la People's Bank of China possa decidere una stretta monetaria nell'immediato visto anche il livello sempre consistente di incertezza globale.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia