Consumi, fiducia italiani +6% in trim3 - Nielsen

giovedì 31 ottobre 2013 11:34
 

MILANO, 31 ottobre (Reuters) - L'indice di fiducia dei consumatori in Italia è salito del 6% nel terzo trimestre rispetto a quello precedente attestandosi a quota 47.

Lo rileva un nuovo sondaggio Nielsen, condotto tra il 14 agosto e il 6 settembre, in cui il 97% degli intervistati si dichiara comunque consapevole del periodo di recessione (-2% rispetto al trimestre precedente, dato in controtendenza rispetto alla media europea del 72%).

Allo stesso tempo, 8 italiani su 10 dichiarano di aver modificato il proprio comportamento di spese, con i principali tagli nei pasti fuori casa (-5% rispetto al trimestre precedente), seguiti dalle spese per abbigliamento (-8% rispetto al trimestre precedente).

L'acquisto di generi alimentari registra invece un +1% tra il secondo e il terzo trimestre.

Riguardo alle prospettive di ripresa, gli italiani vedono con più fiducia il loro futuro: per un +15% è fattibile l'uscita dalla crisi nei prossimi 12 mesi.

Per il 50% degli intervistati (-7% rispetto al secondo trimestre 2013) l'Italia rimarrà in recessione.

In ambito occupazione, le aspettative degli italiani restano negative per l'88% del campione intervistato.

Tra i vari dati raccolti, la propensione al risparmio degli italiani vede una crescita del 3% rispetto al secondo trimestre (40%), anche se aumenta la percentuale di chi dichiara di non riuscire a risparmiare nulla: 29% nel terzo trimestre, +6% rispetto alla rilevazione dello stesso periodo dello scorso anno.

"I consumatori italiani vedono con più fiducia il futuro. Le attese confermano che è prossima una svolta positiva per il Paese", dice in una nota Roberto Pedretti, AD di Nielsen Italia, precisando che gli italiani "si confermano 'formiche' capaci di resistere alle tentazioni del credito al consumo".

- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia