Ref-Confesercenti: Pil 2013 -1,7%, 2014 +1%, occupazione 2014 -0,2%

lunedì 16 settembre 2013 12:31
 

ROMA, 16 settembre (Reuters) - L'Italia si conferma in uscita dalla recessione con la contrazione del Pil nel 2013 che si dovrebbe fermare a -1,7% e tornare al segno positivo l'anno prossimo con un +1%, sebbene nel 2014 continuerà a essere negativa l'occupazione (-0,2%).

Sono alcuni dati del nuovo quadro macro dell'Italia del Rapporto Ref-Confesercenti presentato nel fine settimana al consueto meeting annuale dell'associazione delle piccole e medie imprese industriali.

Nel 2013, oltre che il prodotto, scendono anche i consumi nazionali e delle famiglie (rispettivamente -2% e -1,8%), gli investimenti (-6%), il reddito disponibile (-0,1%). Cresce invece nel 2013 l'indebitamento netto, visto a -3,2%, e il rapporto debito/Pil visto a 131,6%.

Se il 2014 è atteso come anno di inversione di tendenza per il prodotto, non così - sempre secondo il rapporto Confesercenti/Ref - sarà per l'occupazione con il tasso di disoccupazione visto al 12,8% e le unità di lavoro totali, in flessione dell'1,7% nel 2013, che diminuiranno anche nel 2014 dello 0,2%. Positivo infine il dato del reddito reale disponibile che dovrebbe tornare allo 0,6% dopo tre anni di segno negativo (-1,5% previsto nel 2013 dopo il -5% nel 2012 e il -0,8% del 2011).

Secondo il rapporto, la ripresa del prossimo anno non dovrebbe essere legata solo al quadro internazionale e alle esportazioni, ma ad un cambio di segno anche sul fronte interno. I consumi nazionali a prezzi costanti sono visti nel 2014 a +0,5% dopo il -2% del 2013 e il -4,3% del 2012.

"Piano piano si comincia a vedere qualche segno, tenderemo a perdere di meno, fino a tornare in territorio neutro, poi positivo. Questo percorso ci sembra largamente insufficiente, non è che questa ripresa così lenta e inferiore agli altri Paesi ci risolva i problemi. La crisi politica e istituzionale fa ancora paura e mostra i limiti di un Paese in ritardo", ha commentato il presidente della Confesercenti Marco Venturi.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia