Giappone, stop calo inflazione maggio, produzione industriale +2% m/m

venerdì 28 giugno 2013 08:34
 

TOKYO, 28 giugno (Reuters) - In Giappone l'inflazione ha arrestato il suo calo a maggio e la richiesta di lavoro ha raggiunto il livello più alto negli ultimi cinque anni ma l'orizzonte temporale fissato dalla Banca del Giappone per raggiungere l'obiettivo di un'inflazione al 2% sembra ancora lontano.

Intanto la produzione industriale nipponica è aumentata del 2% a maggio rispetto al mese precedente, in rialzo per il quarto mese consecutivo, e ha registrato un aumento al ritmo più veloce dal 2011, in un segnale della robustezza del settore.

Le previsioni degli economisti interpellati da Reuters erano per un +0,2%.

Nel complesso, i dati diffusi oggi rappresentano un segnale di una robusta crescita economica anche se potrebbe essere necessario più tempo per raggiungere aumenti duraturi dei prezzi nonostante le politiche espansionistiche del governo abbiano permesso di compiere passi avanti per porre fine a una deflazione che dura da 15 anni.

I prezzi al consumo 'core', che escludono la componente volatile degli alimentari freschi ma comprendono quella dei carburanti, sono rimasti invariati a maggio rispetto all'anno precedente, in linea con la stima di un sondaggio Reuters.

E' la prima volta in sette mesi in cui il dato non registra un calo. I prezzi hanno registrato un calo dello 0,4% annuale ad aprile.

Il dato sul mercato del lavoro mostra che il rapporto posti di lavoro-richiedenti è salito a 0,90 a maggio da 0,89 di aprile, il che significa che c'è lavoro per 9 richiedenti su 10. Il dato segna la richiesta più forte in cinque anni. - Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia