Italia, Pil procapite 2012 9% più basso rispetto a media zona euro

mercoledì 19 giugno 2013 15:27
 

MILANO, 19 giugno (Reuters) - L'anno scorso in Italia il Pil procapite, indicatore del livello di benessere di un Paese espresso in termini di potere d'acquisto omogenei, è risultato di circa il 9% più basso rispetto alla media della zona euro. Lo dicono i dati pubblicati oggi da Eurostat.

Fatto 100 il Pil procapite dei 27 Paesi dell'Unione europea, quello italiano nel 2012 è risultato pari a 98, in calo rispetto a 100 punti nel 2011 e contro una media della zona euro pari 108.

Il Pil procapite tedesco è rimasto stabile a 121, quello francese è passato a 108 da 109, quello spagnolo a 97 da 98.

Dal 2007 a oggi il divario tra il Pil procapite italiano e la media della zona euro è raddoppiato, portandosi al 9,2% dal 4,5%.

All'interno dell'Unione europea, il valore del prodotto interno lordo procapite varia dal picco di 271 del Lussemburgo al minimo di 47 della Bulgaria.

Per la tabella con i dati Eurostat, fare clic su

here

  Continua...