Francia, Fmi vede Pil 2013 -0,2%, chiede riforme e contenimento spesa

martedì 4 giugno 2013 12:14
 

PARIGI, 4 giugno (Reuters) - Compito della Francia è accelerare nel percorso delle riforme per la liberalizzazione dell'economia e ridurre il carico fiscale sul lavoro per tornare alla crescita e migliorare la propria competitività.

Lo dice l'ultimo rapporto monografico del Fondo monetario internazionale, secondo cui la seconda economia della zona euro dovrebbe invertire la tendenza per tornare all'espansione nella seconda parte dell'anno.

Nello studio 'Article IV' l'organizzazione basata a Washington corregge a -0,2% dal precedente -0,1% la proiezione per il Pil francese 2013, mentre l'attesa sul 2014 passa a +0,8% da +0,9%.

Facendo riferimento alla fragilità del contesto europeo - Francia compresa - il Fondo ha dimezzato ieri la propria stima sul prodotto interno lordo tedesco di quest'anno.

"Dopo tre anni di sostanziale correzione dei conti pubblici si è creato un margine per rallentare il ritmo del consolidamento, a patto che lo sforzo si concentri sul fronte della spesa e sia sostenuto da continue riforme fiscali" scrive il rapporto.

Il Fondo sottolinea che Parigi deve aumentare il livello di competitività sui mercati dei prodotti e dei servizi mantenendo però l'accento sul contenimento della spesa pubblica.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia