Grecia, a marzo prima lettura negativa per inflazione da 1968

martedì 9 aprile 2013 12:17
 

ATENE, 9 aprile (Reuters) - A marzo i prezzi al consumo in Grecia sono entrati in territorio deflazionistico per la prima volta da 45 anni, complice la pesante recessione che sta attraversando il Paese.

I prezzi al consumo si sono contratti dello 0,2% su base annua a marzo, il primo mese di deflazione dal 1968, ha comunicato stamane l'ufficio di Statistica. Contrazione dello 0,2% anche per l'inflazione armonizzata ai parametri europei.

L'economia greca sta vivendo il sesto anno consecutivo di recessione, colpita dalle severe politiche di rigore imposte dallo schema di salvataggio finanziario concesso da Fondo Monetario Internazionale e Unione europea.

"Il processo deflattivo continuerà per il resto dell'anno, dando qualche supporto ai redditi diponibili, fortemente depressi", ha commentato Platon Monokroussos, economista a Eurobank.

A rimarcare lo stato di difficoltà dell'economia greca, i dati odierni della produzione industriale, che a febbario si è contratta del 3,9% tendenziale dopo la flessione del 4,2% registrata a gennaio.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia