Italia, Ocse stima Pil trim1 a -1,6% annualizzato, trim2 a -1,0%

giovedì 28 marzo 2013 11:02
 

MILANO, 28 marzo (Reuters) - L'Ocse prevede per il Pil italiano una contrazione dell'1,6% annualizzato su trimestre, nei primi tre mesi del 2013, e dell'1% nel secondo trimestre dell'anno.

Sono le stime contenute nel cosiddetto 'Interim Assessment' dell'organizzazione, dedicato ai paesi del G7.

Nel rapporto l'Ocse spiega che, sebbene la congiuntura della zona euro continui ad essere deludente, il sottostante processo di ribilanciamento dell'economia è in corso, anche se deve essere completato.

"Le riforme strutturali, specie in Grecia, Irlanda, Italia, Portogallo e Spagna, forniscono una solida base per la ripresa della competitività e per un incremento dell'occupazione, una volta che la domanda sarà risalita" si legge nel rapporto con riferimento alle riforme già varate in questi paesi.

In particolare l'Ocse parla di "considerevoli progressi" compiuti sul fronte della riduzione dei deficit strutturali e spiega come nella maggioranza dei paesi dell'area euro la gran parte dell'aggiustamento fiscale richiesto dopo la crisi è già stato intrapreso.

"I costi di breve termine di questi aggiustamenti sarebbero ridotti da una migliore offerta di credito nei paesi debitori e da riforme strutturali nelle economie in surplus che permettano di ribilanciare l'attività e la domanda" nota inoltre l'organizzazione.

Nell'ultimo Economic Outlook, dello scorso novembre, l'Ocse stimava una contrazione del Pil italiano pari all'1% nel 2013, e una risalita dello 0,6% nel 2014.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia