Zona euro, indici Pmi indicano inasprimento recessione n trim4

venerdì 14 dicembre 2012 10:22
 

LONDRA, 14 dicembre (Reuters) - Si fa più pesante, nel corso del trimestre, la recessione della zona euro, alla luce di una contrazione del settore privato che, in dicembre, si protrae per l'undicesimo mese consecutivo.

È quanto emerge dall'indagine congiunturale sui direttori d'aquisto, la cui stima flash sull'indicie Pmi composito della zona euro è salito 47,3 punti dai 46,5 di novembre: si tratta del dato più alto degli ultimi nove mesi, sopra i 46,8 punti delle attese, ma sempre abbondantemente sotto la soglia dei 50 punti che separa le rilevazioni di crescita da quelle di contrazione.

L'indice Pmi composito è risultato sotto quota 50 per quindici degli ultimi 16 mesi.

"I dati ufficiali sul Pil tendono a viaggiare un po' in ritardo rispetto ai Pmi, quindi c'è il forte sospetto che possa emergere un progressivo appesantimento della recessione della zona euro, nel trimestre finale dell'anno" spiega Chris Williamson, economista di Markit, la società che elabora il rapporto. "I dati sono coerenti con una contrazione del pil di circa lo 0,5%".

Il preliminare del Pmi manifatturiero è salito anch'esso ai massimi da nove mesi in dicembre, a 46,3 punti dai 46,2 di novembre, su stime di 46,6.

L'indice relativo al settore servizi tocca invece i massimi da cinque mesi, a 47,8 da 46,7, su stime di 47,0.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia