PUNTO 2-Metalmeccanici, nuovo contratto senza Fiom, aumento 130 euro

mercoledì 5 dicembre 2012 14:26
 

(Aggiunge commenti, altri dettagli su accordo)

ROMA, 5 dicembre (Reuters) - Federmeccanica ha siglato stamani con Fim-Cisl, Ugl e Uilm l'accordo per il rinnovo del contratto metalmeccanico 2013-2015 che prevede un aumento medio mensile lordo di 130 euro a regime.

Si tratta di un nuovo accordo separato. La Fiom, che non aveva firmato il precedente contratto del 2009, non ha infatti partecipato alla trattativa e ha invece organizzato manifestazioni e scioperi oggi e domani per protestare contro le intese separate e chiedere nuove norme sulla rappresentanza.

Il rinnovo riguarda circa 1,6 milioni di lavoratori e per la prima volta non comprende la Fiat. Il Lingotto, per volontà dell'Ad Sergio Marchionne, è infatti uscito da Confindustria per poter stipulare un contratto aziendale ad hoc nei suoi stabilimenti, sempre senza il sigillo della Fiom-Cgil.

Nel dettaglio, l'aumento - da considerarsi lordo mensile e medio, cioè relativo al quinto livello - sarà assegnato nel triennio in tre tranche: i primi 35 euro dal 1° gennaio 2013, poi 45 euro dal 1° gennaio 2014 e gli ultimi 50 euro a inizio del 2015.

La mediazione è stata trovata tra i 150 euro di aumento chiesti da Fim e Uilm e i 125 offerti da Federmeccanica.

Aumenta l'orario di lavoro che però, secondo una nota della Fim, viene bilanciato venendo incontro a eventuali richieste di permesso dei lavoratori: "Vengono aumentati di 16 ore annue i limiti previsti oggi per l'orario plurisettimanale e lo straordinario, consentendo alle aziende un mix tra questi due istituti contrattuali (fino a 120 ore annue), ma con precisi limiti".

"Tale ulteriore disponibilità viene retribuita con una maggiorazione del 58%. Inoltre, l'intesa amplia la possibilità dell'utilizzo individuale dei permessi (par) e consentito nei casi di malattie di figli o familiari di utilizzarli senza preavviso all'azienda", aggiunge la Fim.

  Continua...