Italia, in 2013 Pil calerà 1%, debito/pil ancora in rialzo - Ref

mercoledì 31 ottobre 2012 11:53
 

MILANO, 31 ottobre (Reuters) - L'istituto di ricerca Ref peggiora le proprie stime sul quadro macro-economico italiano del 2012 e del prossimo anno.

In particolare per il Pil, mentre la previsione per il 2012 ribadisce il -2,3% stimato a inizio settembre, per il 2013 la stima peggiora a -1,0% da -0,4%, soprattutto a causa della previsione di un nuovo anno di recessione per la zona euro, ma in particolare per i paesi periferici.

"Stiamo per entrare nel sesto anno di quella che è la crisi più dura attraversata dall'economia italiana, senza che si intravedano ancora chiari segnali di una svolta in tempi brevi" commentano gli economisti di Ref. "Le tendenze paiono anzi dominate dalla caduta delle aspettative e dal consolidamento di comportamenti di spesa prudenti".

Per il deficit/pil 2012 la stima 2012 sale a 2,9% da 2,3%, mentre la previsione 2013 passa a 2,5% da 1,0.

Il rapporto debito/pil infine balza a 126,7% da 124,7% per il 2012, a 128,9% da 124,0% per il 2013.

Sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia