PUNTO 1-Spagna, budget 2013 su tagli spesa più che aumento tasse

giovedì 27 settembre 2012 19:19
 

(Aggiunge dettagli da conferenza stampa)

MADRID, 27 settembre (Reuters) - La Spagna ha annunciato un piano temporale dettagliato per le riforme economiche del paese e un budget per il 2013 che sarà basato soprattutto su tagli alle spesa e non su nuove tasse.

Molti vedono nella mossa del governo spagnolo il tentativo di prevenire le probabili condizioni che sarebbero poste a fronte di una richiesta di salvataggio internazionale.

I ministri del governo spagnolo vedranno ridursi i propri budget dell'8,9% l'anno prossimo nell'ambito della battaglia condotta dal premier Mariano Rajoy contro uno dei deficit più pesanti della zona euro.

Per contro il governo ha anche annunciato che le entrate fiscali nel 2012 saranno più alte rispetto a quanto previsto e cresceranno del 3,8% l'anno prossimo rispetto all'anno in corso.

I tagli di spesa valgono lo 0,77% del Pil, mentre gli aggiustamenti delle entrate fiscali lo 0,56%.

"Questa finanziaria punta a venir fuori dalla crisi. In questa finanziaria c'è un aggiustamento più ampio sulla spese che non sulle entrate", ha spiegato il vice primo ministro Soraya Saenz de Santamaria nella conferenza stampa seguita al consiglio dei ministri durato sei ore.

Il governo promulgherà 43 nuove leggi per riformare l'economia. Durante la presentazione della bozza della finanziaria 2013, il vicepremier ha inoltre spiegato che sarà istituita un'autorità fiscale indipendente che contribuirà a controllare le promesse sul taglio del deficit.

Saenz de Santamaria ha aggiunto che la Spagna centrerà gli obiettivi sulle entrate 2012 e adotterà misure per limitare i prepensionamenti e per riformare la pubblica amministrazione.   Continua...