Italia aumenti produttività mantenendo moderazione salariale - Ocse

lunedì 24 settembre 2012 13:44
 

ROMA, 24 settembre (Reuters) - La priorità del governo in questa fase deve essere l'aumento della produttività mantenendo una moderata crescita dei salari.

È la ricetta avanzata dal segretario generale dell'Ocse, Angel Gurria, nel corso della "Conferenza internazionale sulle riforme strutturali in Italia".

"L'Italia deve migliorare la produttività mantenendo le dinamiche salariali moderate e deve ridurre la pressione fiscale sul lavoro in modo fiscalmente neutrale", ha detto Gurria.

Nel corso della conferenza, organizzata assieme alla presidenza del Consiglio, Gurria ha presentato un rapporto da cui emerge che il tasso di crescita della produttività italiana a partire dal 2000 è risultato "il più basso dei Paesi Ocse".

"Mentre la produttività relativa del lavoro è migliorata in altri Paesi dell'Europa del Sud in seguito alla crisi, tale dato è praticamente rimasto invariato in Italia. Questa debole crescita della produttività è generalizzata e colpisce la maggior parte dei settori dell'economia", si legge nel rapporto.

Gurria ha comunque mostrato soddisfazione per le misure adottate dal governo di Mario Monti finora, provvedimenti che potrebbero far salire il Pil italiano fino al 4% nei prossimi dieci anni".

L'Ocse raccomanda all'Italia di proseguire anche nella politica di risanamento finanziario, ipotizzando misure aggiuntive nel caso l'andamento dell'economia finisca con l'essere peggiore delle attese. Una raccomandazione poi sfumata dal capo economista dell'organizzazione, Pier Carlo Padoan, per il quale l'importante è che in una fase di debolezza congiunturale non ci sia solo "un parziale aggiustamento" sufficiente a compensare la componente ciclica del disavanzo.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia