Italia, previsti aumenti Iva spingono a rialzo inflazione 2012- Bce

giovedì 15 marzo 2012 10:25
 

ROMA, 15 marzo (Reuters) - L'aumento prospettato e quello già realizzato delle imposte indirette mantiene anche nel 2012 una pressione al rialzo sull'andamento dei prezzi in Italia e in altri paesi dell'area euro.

Lo scrive la Bce nel suo Bollettino mensile.

"In prospettiva, diversi paesi, fra cui Irlanda, Cipro, Italia, Francia e Portogallo, hanno applicato o annunciato aumenti dell'Iva che avranno un impatto nel 2012 e determineranno il protrarsi delle pressioni al rialzo sull'inflazione nel corso dell'anno", si legge nel Bollettino.

Bce ricorda che in Italia "l'aumento dell'Iva, sebbene introdotto solo nel settembre 2011, ha determinato un impatto meccanico di 0,2 punti percentuali per tutto il 2011".

Positiva invece la sottolineatura della Banca centrale europea per i progressi nella dinamica dello spred italiano.

"Ad eccezione della Grecia, le diverse variazioni dei rating non sembrano aver avuto un marcato effetto al rialzo sui differenziali di rendimento delle obbligazioni sovrane. Tra i paesi dell'area dell'euro, infatti, l'Italia ha riportato il maggiore restringimento dei differenziali di rendimento sulle obbligazioni sovrane (-166 punti base) nonostante il suo declassamento da parte delle tre principali agenzie di rating", si legge nel Bollettino.

sul sito www.reuters.it altre notizie Reuters in italiano Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia.