Italia, Ref stima Pil -0,3% in 2013, conferma -1,5% 2012

martedì 24 gennaio 2012 11:21
 

MILANO, 24 gennaio (Reuters) - Ref prevede una contrazione dell'economia italiana anche nel 2013. E' quanto si legge nelle ultime previsioni dell'istituto diffuse oggi, in cui Ref ha peggiorato la stima di crescita dell'Italia del 2011 allo 0,4% dallo 0,5% stimato a dicembre.

Confermato il calo del Pil nel 2012 a -1,5%. Una contrazione che si manterrà anche nel 2013, per cui è previsto un calo dello 0,3%.

Secondo Ref, l'Italia sta cercando di affrontare la crisi dei debiti sovrani con gli strumenti di cui dispone, innanzitutto con una "blindatura" del bilancio attraverso politiche fiscali restrittive. Ref considera la sola correzione fiscale non sufficiente se non accompagnata da un "credibile aumento del potenziale di crescita".

Le misure varate dal governo Monti con il dl sulle liberalizzazioni vanno in questa direzione ma, sottolinea l'istituto, "i tempi ristretti dell'azione di governo hanno concnentrato per ora le scelte prevalentemente, anche se non esclusivamente, su un insieme di settori di dimensione piccola, e questo consente di anticipare esiti limitati sulla crescita potenziale dell'economia, soprattutto nel breve".

(Elvira Pollina)

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia