Cina, rallentamento economico apre porte a taglio tassi

venerdì 9 dicembre 2011 09:00
 

PECHINO, 9 dicembre (Reuters) - La produzione industriale cinese è cresciuta in novembre al tasso più debole da oltre due anni, un segnale - insieme alla caduta dell'inflazione - di un deterioramento del quadro economico del paese che potrebbe spianare la strada a nuovi interventi espansivi di politica monetaria da parte delle autorità di Pechino.

La produzione industriale è cresciuta del 12,4%, sotto le attese di un +12,8%.

L'indice dei prezzi al consumo si è portato ad un 4,2% annuo di crescita, livello minimo dal settembre 2010: è la prima volta dallo scorso febbraio che l'inflazione cinese scende sotto il 5%.

Le vendite al dettaglio sono cresciute del 17,3% a novembre, in misura leggermente superiore al 16,9 atteso. Infine, i prezzi alla produzione sono saliti del 2,7%, in netto calo dal 5% di ottobre, a fronte di stime per un +3,3%.

"La debolezza dei dati economici, combinata con un indice dei prezzi al consumo inferiore alle attese apre la porta per un ulteriore allentamento della politica monetaria" sintetizza Zhiwei Zhang, economsita di Nomura.

Sul sito www.reuters.com altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia