Cuba permetterà la compravendita di case

giovedì 3 novembre 2011 16:21
 

L'AVANA, 3 novembre (Reuters) - I cubani potranno acquistare e vendere case per la prima volta in oltre 50 anni, grazie a un'attesa riforma che legalizza una pratica che già molti conducevano da anni, anche se limita il numero di immobili che si può possedere.

Lo ha scritto oggi l'agenzia di stampa di Stato.

La riforma, in vigore dal prossimo 10 novembre, è l'ultima di una serie di modifiche volute dal presidente Raul Castro per liberalizzare vagamente l'economia in stile sovietico dell'isola, mentre mantiene il sistema comunista in essere dalla rivoluzione cubana del 1959.

Il partito comunista, l'unico partito politico legale a Cuba, ha approvato la vendita delle case in un congresso ad aprile.

I dettagli non sono ancora disponibili, ma il quotidiano di partito Granma scrive che le nuove leggi consentiranno alla gente di comprare, vendere, scambiare, donare o passare le proprie case agli eredi.

Il governo consente alla gente di possedere case, ma in teoria finora vietava la vendita per denaro.

La permuta di abitazioni di ugual valore è una pratica accettata da anni sull'isola, anche se i cubani hanno spesso compensato questi scambi con passaggi di denaro sottobanco.

Ora potranno vendere o comprare, ma sulla transazione dovranno pagare le tasse, scrive Granma.

La riforma eliminerà alcuni passaggi burocratici, ma limita anche la possibilità di possedere immobili a una casa come residenza e una per le vacanze.

-- Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia