Spagna, disoccupazione a 21,5% in trim3, massimo da 15 anni

venerdì 28 ottobre 2011 12:48
 

MADRID, 28 ottobre (Reuters) - Disoccupazione mai così alta da 15 anni in Spagna nel terzo trimestre, a causa della stagnazione dell'economia che ha cancellato gli effetti della buona stagione turistica.

Il tasso di disoccupazione nel paese è salito al 21,5% - massimo dalla fine del 1996 - dal 20,9% registrato nel secondo trimestre. Il numero complessivo delle persone senza lavoro si è avvicinato a quota 5 milioni.

"La mancanza di creazione di posti di lavoro è destinata a proseguire abbondantemente anche nel 2012. Le misure di austerità stanno provocando tagli di posti nel settore pubblico, mentre è piuttosto difficile che quello privato si riprenda dalla caduta", spiega l'economista di Global Insight Raj Badiani. "La combinazione di prospettive ancora deboli nel mercato del lavoro e di una forza lavoro sorprendentemente stabile lascia presupporre un tasso di disoccupazione che rimarrà sopra il 20% per tutto il 2012".

INFLAZIONE STABILE

Si conferma intanto stabile l'inflazione spagnola in ottobre. Secondo i dati dell'istituto nazionale di statistica, a livello armonizzato l'indice dei prezzi al consumo ha mostrato il medesimo incremento del 3% visto in settembre; il dato nazionale è invece passato al 3% dal 3,1% del mese precedente.

Sul sito www.reuters.it le altre notizie Reuters in italiano. Le top news anche su www.twitter.com/reuters_italia