PUNTO 1 - Italia, balzo produzione ad agosto sorprende analisti

lunedì 10 ottobre 2011 12:45
 

MILANO, 10 ottobre (Reuters) - La produzione industriale italiana ad agosto ha messo a segno la variazione congiunturale più consistente dal gennaio del 2000, balzando del 4,3% congiunturale e del 4,7% tendenziale contro una contrazione dello 0,3%, rivisto al rialzo da -0,7%, su mese e il calo dell' 1,1% su anno di luglio, anch'esso migliorato dalla prima stima di -1,6%.

Un risultato ampiamente migliore delle attese degli economisti, che, in base a un sondaggio reccolto da Reuters, prevedevano una variazione mensile al rialzo dello 0,2% e una contrazione tendenziale del 2,4%.

"Il dato di oggi francamente va oltre ogni attesa, in controtendenza rispetto al quadro generale dell'economia italiana, e a quanto tratteggiato dalle indagini sull'attività di settore" osserva Carmela Pace, economista di Mps Capital Service.

Il miglioramento riguarda in modo complessivo praticamente tutte le tipologie. "Lo spaccato è abbastanza omoegeneo" rileva Paolo Mameli di Intesa Sanpaolo.

Anche la produzione industriale francese è cresciuta inaspettatamente ad agosto, mettendo a segno su base mensile - secondo quanto comunicato oggi dall'Insee - un rialzo dello 0,5% contro un consensus che prevedeva una contrazione dell 1%.

In Germania,la produzione industriale, resa nota la scorsa settimana, ha subìto un calo dell'1% nello stesso mese, che tuttavia nelle attese era ancora peggiore. Tuttavia, sempre ad agosto, le esportazioni della locomotiva d'Europa sono salite al livello più alto dallo scorso marzo.

SU DATO PESA VOLATILITA' AGOSTO, CAUTELA TRA ANALISTI

L'accelerata improvvisa della produzione industriale italiana, che arriva dopo tre contrazioni consecutive su base mensile, non può che sorprendere gli analisti, i quali però sono restii a interpretare il dato come un segnale di un cambiamento del quadro di generale anemia dell'economia italiana nel secondo semestre dell'anno.   Continua...