December 5, 2008 / 4:18 PM / 9 years ago

PUNTO 1-Cgil, cig per almeno 362 mila lavoratori in 11 mesi 2008

3 IN. DI LETTURA

(aggiunge dettagli indagine)

ROMA, 5 dicembre (Reuters) - Nel periodo fra gennaio e novembre 2008 sono almeno 362 mila i lavoratori impiegati nei settore dell'industria, artigianato e servizi messi in cassa integrazione.

I dati sono contenuti nello studio elaborato dal dipartimento Settori produttivi della Cgil Nazionale dal titolo "La Crisi economica dell'industria italiana - i dati sulla cassa integrazione ordinaria, straordinaria, in deroga, e i lavoratori coinvolti".

"Complessivamente l'andamento della Cig ordinaria, straordinaria, in deroga e gestione edilizia, da gennaio a novembre di quest'anno, dimostra la straordinarietà della crisi: le ore di intervento sono risultate circa 280 milioni e i lavoratori interessati sono stati almeno 362 mila", spiega un comunicato che illustra lo studio precisando che la crisi economica coinvolge non meno di 10mila imprese dell'industria, dell'artigianato e dei servizi.

Si tratta del 5% degli occupati nell'industria, artigianato e servizi su una platea dei lavoratori che beneficiano del diritto agli ammortizzatori sociali che oscilla tra i 7 e i 7,6 milioni.

"Il che spiega il grave rallentamento che si sta determinando in particolare nella produzione industriale", commenta la Cgil.

In particolare, ricorda la Cgil, la Fiat FIA.MI ha deciso la chiusura di tutti gli stabilimenti italiani per 1 mese, dal 15 dicembre al 10 gennaio, da Mirafiori a Termini Imprese, compresi gli stabilimenti Sevel, Iveco, Magneti Marelli, per 58.000 lavoratori coinvolti dalla cassa integrazione ordinaria; le acciaierie di Piombino che fermano la produzione e con essa il lavoro di 1.600 lavoratori.

"Per non parlare dei casi come Alitalia, Gabetti, o di Telecom che ha annunciato in queste ore un ulteriore taglio di 4.000 dipendenti in aggiunta ai 5.000 di settembre", precisa la nota.

"Per questa platea di lavoratori coinvolti nella cassa integrazione vuol dire percepire meno di 800 euro al mese. I più penalizzati tra questi risultano essere i lavoratori posti in cassa integrazione per lunghi periodi che vedranno decurtata in modo pesante anche la tredicesima mensilità", aggiunge la nota.

Tale elenco non comprende i 2,3 milioni di lavoratori precari (a tempo determinato, a part-time, collaboratori, ecc). La Cgil fa notare infatti come il dl anticrisi del governo subordini la elargizione degli ammortizzatori sociali per questa categoria di lavoratori a una serie di condizioni come lo stato di crisi dei settori di appartenenza, l'intervento della bilateralità.

"Così come si sta determinando proprio in queste settimane un drastica riduzione della richiesta da parte delle imprese di lavoro somministrato e che le Agenzie quantificano intorno al 30/35%", aggiunge l'indagine.

La Cgil denuncia infine che i dati ufficiali Inps sull'andamento della cassa integrazione si fermano ad agosto 2008.

0 : 0
  • narrow-browser-and-phone
  • medium-browser-and-portrait-tablet
  • landscape-tablet
  • medium-wide-browser
  • wide-browser-and-larger
  • medium-browser-and-landscape-tablet
  • medium-wide-browser-and-larger
  • above-phone
  • portrait-tablet-and-above
  • above-portrait-tablet
  • landscape-tablet-and-above
  • landscape-tablet-and-medium-wide-browser
  • portrait-tablet-and-below
  • landscape-tablet-and-below