Vendite dettaglio Pmi -2,8% in trim2 su anno - Unioncamere

martedì 5 agosto 2008 12:53
 

ROMA, 5 agosto (Reuters) - Commercio e turismo in affanno nel secondo trimestre dell'anno. Secondo l'indagine congiunturale del Centro studi Unioncamere sulle Pmi della distribuzione e dei servizi, nel periodo aprile-giugno le vendite al dettaglio hanno fatto registrare un calo annuo del 2,8% per il settore commerciale e del 5,1% per quello degli alberghi e ristoranti.

A pagare il conto più salato di questo periodo di crisi dei consumi sono il Mezzogiorno - con cali delle vendite del 5,5% nel secondo trimestre - e le imprese di piccola dimensione, che chiudono i mesi da aprile a giugno con un decremento del 4,9%.

Per la maggioranza degli operatori del settore, l'andamento delle vendite nel prossimo trimestre non migliorerà. Viene prevista, infatti, una fase di stabilità dal 45% delle imprese, di diminuzione dal 23% delle imprese, mentre solo il 32% di esse prevede aumenti dei fatturati.

E' il commercio alimentare che mette a segno il bilancio più negativo: -4,1%, sebbene anche le vendite di prodotti non alimentari subiscano una forte contrazione (-3,7%). Solo iper e supermercati e grandi magazzini incrementano i fatturati dell'1,1% (ma non le quantità vendute).

Anche le imprese dei servizi non vedono sostanziali miglioramenti per i prossimi mesi: il 64% ritiene infatti che il terzo trimestre sarà all'insegna di una sostanziale stabilità del volume d'affari, mentre il 14% si attende una riduzione. Per il 22% invece sembra prossima una fase di miglioramento.