Produzione industria meccanica sem1 -4,1% su anno-Federmeccanica

venerdì 5 settembre 2008 14:29
 

ROMA, 5 settembre (Reuters) - Nella prima metà del 2008 l'attività produttiva metalmeccanica ha registrato una flessione annua dell'1,4%, confermando la fase di debolezza che sta caratterizzando il settore a partire dai primi mesi del 2007.

Lo rende noto l'indagine congiunturale di Federmeccanica spiegando che gli indicatori, in particolare il portafoglio ordini, indicano il protrarsi della fase di stagnazione economica in corso.

"Nella seconda parte del 2008 inciderà negativamente sul settore metalmeccanico la debolezza della domanda interna, soprattutto quella per beni di investimento in macchine ed attrezzature che sconta anche gli effetti della difficoltà crescente a reperire finanziamenti e dell'aumento del costo del credito", prevede il rapporto.

Sono viste in rallentamento anche le esportazione a causa "della perdita di competitività derivante, come segnala la Banca d'Italia, dall'elevata crescita del costo del lavoro per unità di prodotto indotta dall'andamento stagnante della produttività e dalla decisa accelerazione delle dinamiche retributive intervenuta tra l'ultima parte del 2007 e l'inizio del 2008", spiega Federmeccanica ricordando che nel settore metalmeccanico, nei primi sei mesi dell'anno, le retribuzioni contrattuali sono cresciute del 3,7%, mentre per le retribuzioni di fatto nell'industria metalmeccanica con oltre 500 addetti l'incremento è stato mediamente pari al 7,2%.

Il ricorso alla CIG in termini di ore è diminuito mediamente del 7,6%, ma si è avuto un moderato incremento dell'utilizzo di CIG ordinaria cresciuta nei primi sei mesi dell'1,3%, dato che prelude ad un maggior ricorso nella seconda parte dell'anno, conclude il report.