Dpef, inflazione media 2008 a +3,4%, programmata a +1,7%

martedì 24 giugno 2008 17:42
 

ROMA, 24 giugno (Reuters) - Il Dpef 2009-2013 conferma un tasso d'inflazione programmata a +1,7% per il 2008 ma stima un'inflazione media a +3,4%.

"Tenendo conto che le tensioni sui prezzi degli alimentari sono attese perdurare e che l'andamento dei prezzi del petrolio non è atteso invertirsi, l'inflazione nel 2008 può essere stimata intorno al 3,4%", si legge nel Dpef.

"Le previsioni di un rallentamento delle tensioni nella seconda parte dell'anno, sia sugli alimentari sia sugli energetici, dovrebbero portare l'inflazione a dicembre intorno al 2,9% rispetto allo stesso mese dell'anno precedente".

A fronte di queste stime, nel Dpef si legge che per il governo è "opportuno confermare il dato [di inflazione programmata] dell'1,7% per il 2008 e dell'1,5% per gli anni successivi".

Nel quadro macroeconomico del Dpef "si prevede un pegggioramento delle ragioni di scambio nel 2008, prevalentemente per effetto dei rialzi nei prezzi dei prodotti petroliferi e delle materie prime. L'inflazione importata assume quindi particolare rilevanza per il 2008, anno in cui il rialzo dell'inflazione previsto sarà in buona parte l'effetto di fenomeni 'esogeni', quali le tensioni sui prezzi dei prodotti energetici e il loro impatto sui prodotti alimentari".

Tuttavia, aggiunge il Tesoro, "la natura di inflazione importata del fenomeno e i continui richiami della Banca centrale europea a non generare 'second round effects', alimentando la dinamica salariale, suggeriscono di mantenere invariato il tasso programmato per il 2008 all'1,7%, adottando misure perequative per alleviare l'impatto negativo sui redditi più bassi".